Porchetta si candida a Sindaco: Una coalizione alternativa per la città pubblica

Un gruppo sempre maggiore di cittadine e cittadini, forze politiche, movimenti civici, si sono ritrovati per costruire una proposta politica alternativa al centrodestra e al centrosinistra per le elezioni amministrative del 2022 a Ciampino. Attorno a un’idea di città pubblica, in cui finalmente Beni Comuni e servizi tornino nelle disponibilità e per gli interessi della cittadinanza, per la tutela dell’ambiente e del bene comune, sta prendendo vita una coalizione che candiderà a Sindaco il ricercatore universitario Alessandro Porchetta. Tra le forze organizzate promotrici di questa proposta troviamo Diritti in Comune, Europa Verde Ciampino, Partecipazione Attiva, Possibile, nonché militanti di Rifondazione comunista. 

Volto noto delle battaglie cittadine per la dignità degli ultimi, dei movimenti locali ambientalisti, delle vertenze sindacali di base, Alessandro Porchetta è oggi un attivista del movimento Diritti in Comune, per il quale ha svolto il ruolo di Consigliere comunale nel biennio 2020-21. Nell’ambito di questa esperienza è stato uno dei rappresentanti eletti più attivi, in un serrato lavoro di squadra con la sua forza politica, sempre rivolto allo studio dei problemi, alla critica puntuale e alla proposta concreta, rappresentando un punto di riferimento per tanti cittadini e cittadine che hanno avuto in lui una voce dentro le istituzioni a difesa delle proprie istanze. Siamo certi che chiunque viva le difficoltà di una Ciampino abbandonata a sé stessa da chi l’ha amministrata prima, possa trovare nel nostro programma partecipato e in Alessandro Porchetta una valida alternativa al rischio di farla ricadere nelle stesse mani.

“Le classi dirigenti del centrosinistra prima e del centrodestra poi, se così vogliamo ancora chiamarle, hanno fallito miseramente – dichiara Porchetta in una nota – e ci lasciano una città incompiuta, schiacciata tra un consumo di suolo ogni anno più grave e una mobilità insostenibile, dove i servizi pubblici sono sempre meno, così come il verde urbano realmente fruibile per i cittadini. Gran parte del patrimonio pubblico cade a pezzi e la ristrutturazione del polo della ex cantina sociale non vede ancora luce, nonostante le promesse di tutti. Due anni scarsi di amministrazione Ballico sono riusciti nell’impresa unica di far ancora peggio di prima: le destre avevano il sogno di appaltare a soggetti privati tutti i beni costituenti il nostro patrimonio comunale, secondo la stessa inossidabile logica di mercato che per decenni ha prevalso nel governo di Ciampino, ma per fortuna li abbiamo mandati a casa. Ora è ricominciato il balletto dei candidati, tra chi va da una parte chi va dall’altra spostando presunti pacchetti di voti. Il solito meccanismo costruito sulla totale inconsistenza di una qualunque proposta, visione o idea della città del futuro. Un quadro francamente imbarazzante che speriamo i cittadini rispediscano al mittente.”

“Per questo lanciamo la nostra proposta, in totale contrapposizione con il passato: una proposta aperta a tutte quelle realtà sane cittadine, dal mondo ecologista e dell’impegno sociale, a chi vive nella periferia di Ciampino o nei quartieri più popolari, e vorrebbe una città diversa. La nostra è una proposta politica, prima che elettorale, e la vogliamo costruire attraverso un percorso di condivisione di tematiche e prospettive il più possibile pubblico e partecipato, come da nostra tradizione. Se sarò Sindaco mensilmente avremo iniziative nei vari quartieri, con la Giunta e i dirigenti al mio fianco per ascoltare i problemi concreti di chi vive la città. Istituzionalizzeremo strumenti di democrazia diretta, partecipata e di controllo popolare fin dai primi mesi, andando ad approvare da subito il regolamento per la gestione dei Beni Comuni. 

Abbiamo individuato le priorità di azione nella la realizzazione del Parco del Muro dei Francesi, il completamento della cantina sociale, il superamento delle attuali aziende partecipate per riconvertirle in aziende comunali pubbliche, il rilancio della proposta culturale cittadina attraverso adeguate risorse, piste ciclabili e potenziamento del trasporto pubblico locale, e poi ancora investimenti da ottenere in ambito distrettuale per il potenziamento del socio-sanitario territoriale. Per far ciò bisogna subito riportare i conti in ordine nel bilancio comunale anche attraverso l’individuazione degli sprechi e potenziare gli uffici comunali, inoltre immaginiamo un ufficio di scopo per intercettare i fondi PNRR ed europei. C’è un enorme lavoro da fare ma solo insieme con i cittadini e le cittadine, tramite l’ascolto continuo e dandoci gli strumenti per determinare le scelte politiche, anche per il tramite di maggiori istituti e forme di partecipazione diretta, si può pensare di realizzare il cambiamento che immaginiamo.” 

 

 

Alle elezioni con una proposta sui temi per la città, no a carrozzoni e trasformismi

In questo preludio di campagna elettorale Diritti in Comune ha scelto di arrivare formulando una proposta attraverso un percorso trasparente, fatto di proposte programmatiche concrete, indirizzando su queste – e a partire da queste – la discussione con le altre forze politiche. Una discussione franca, possibilmente pubblica, sulle questioni che determinano la qualità vita dei cittadini di Ciampino: i Beni Comuni, a partire dai parchi e dagli spazi pubblici, la viabilità, la gestione dei Servizi, il potenziamento dell’offerta socio-sanitaria territoriale ed altro.

Mentre continuiamo questo lavoro, invitando la città all’assemblea cittadina di sabato pomeriggio (ore 16 – Sala teatro della parrocchia di Viale Kennedy) per discutere insieme ad urbanisti ed esperti di settore degli strumenti e delle proposte programmatiche per rilanciare il tessuto urbano, dobbiamo evidenziare la nostra totale distanza e il rifiuto delle modalità con cui le altre forze politiche del centrosinistra pensano di ripresentarsi di fronte ai cittadini. A nostro avviso il trasformismo opportunista e la continuità col passato, a meno di smentite pubbliche che non abbiamo ancora letto, sono gli elementi dominanti del quadro politico attuale.

Leggiamo che un pezzo significativo di gruppo dirigente del Partito Democratico, tra cui il segretario politico, ha sottoscritto il 28 Gennaio un documento di adesione ad una piattaforma programmatica ed elettorale condivisa con Italia Viva, alcuni rappresentanti civici ed ex membri della Giunta Ballico. Scorrendo i firmatari si osserva con incredulità alla capacità di autorigenerazione di quella classe politica che ha già fallito nel passato e che oggi sembrerebbe voler aggiungere i soliti “transfughi” della politica, una volta a destra e una a “sinistra”, buoni per tutte le stagioni. Nessuna discontinuità del gruppo dirigente né, tantomeno, discussione pubblica sui madornali errori politici che hanno determinato la passata vittoria delle destre. Il Pd sembra posizionarsi, senza alcuna novità politica lungimirante, con una proposta governista il cui unico orizzonte è quello di gestire la città secondo le logiche e i blocchi di potere consueti e, sullo sfondo, di ricercare un’unione contro la destra.

Parallelamente i dirigenti del M5S ci hanno comunicato qualche giorno fa di essere in fase di chiusura di un accordo… con un altro pezzo di centro-destra! Quella parte che ha contribuito prima a fare eleggere e poi cadere l’amministrazione Ballico su posizioni squisitamente personali e mai politiche, come rivendicato dalle loro dichiarazioni di sostegno alle scelte della passata giunta anche dopo la sua caduta. Una destra che – sia nel caso del Pd che del 5 stelle – proprio con alcuni di quegli esponenti non ha esitato ad aprire l’Aula Consiliare dedicata a Pietro Nenni a neofascisti come Cappellari e a votare unanime una mozione indegna come quella “no ius soli”.

Ad arricchire il quadro oggi c’è una iniziativa promossa da Pd e M5S con la presenza di noti esponenti regionali, e allora la domanda è legittima: a che gioco si pensa di giocare? Se si vuole vedere tornare l’ex Sindaca e le peggiori destre al governo della città questa è certamente la strada maestra. 

Di fronte a questo quadro Diritti in Comune continua ostinatamente ad avanzare una proposta politica e di candidata/o a Sindaca/o di radicale discontinuità e trasformazione, sia nelle modalità che nei contenuti programmatici. È un percorso che abbiamo sempre voluto aperto a chi crede che questo sia ciò di cui ha bisogno la nostra città. Entro la metà del mese renderemo note le nostre scelte definitive, la coalizione con la quale andremo alla sfida elettorale, la candidatura a Sindaco e subito dopo la squadra di governo, nel rispetto di quei cittadini e cittadine che sceglieranno di costruire insieme a noi una città diversa.

Ciampino, Diritti in Comune: “Piano sosta, l’ultimo ‘regalo’ dell’era Ballico”

Siamo costretti a tornare nuovamente su questo argomento che fin da subito ci ha visto in prima linea contrari al piano sosta prodotto della ex giunta Ballico. Avevamo denunciato più volte come fosse un piano funzionale esclusivamente a fare cassa sulle spalle dei cittadini, ed oggi purtroppo in tanti se ne stanno accorgendo sulla loro pelle. Intanto la pessima organizzazione del servizio per quanto riguarda il rinnovo degli abbonamenti, gestito da ASP in maniera a dir poco approssimativa e senza prevedere adeguati strumenti di prenotazione digitale che, soprattutto in questo periodo, avrebbero evitato ai cittadini le estenuanti ed interminabili file.

Ci ritroviamo poi a denunciare nuovamente la drastica riduzione dei parcheggi gratuiti per i residenti nella zona centrale di Ciampino, prodotta dall’istituzione delle zone STR a pagamento anche sulla prima macchina. Oltre a questo i cittadini dovranno fronteggiare l’aumento del costo dell’abbonamento mensile solare per le auto successive alla prima del nucleo familiare per la zona di residenza (da 10 a 25 euro) e per l’intero territorio (da 25 a 40 euro). Ciliegina sulla torta è poi il pagamento di una quota fissa nella misura pari a 10 euro nel caso di ritardo rispetto alla durata della sosta, indipendentemente dal fatto che questo ritardo sia di qualche minuto o di ore!

Questioni da noi sollevate più volte in Consiglio comunale e che hanno visto diverse mozioni prodotte dai consiglieri di opposizione, puntualmente bocciate dalla maggioranza. Mozioni che Diritti in Comune ha sostenuto e difeso, in quanto tentavano di ridefinire i punti più critici di un piano sosta che è stato giustificato con la retorica della “lotta ai furbetti del parcheggio”. La verità è che i veri furbetti sono loro! La ex Sindaca Ballico e i partiti che la sostenevano, credevano di dover utilizzare le strisce blu per fare cassa.

Diritti in Comune si impegna da subito con i cittadini per annullare nei primi mesi della prossima consiliatura questo piano sosta e produrne uno completamente diverso. In primo luogo verrà garantito un incremento nel rapporto tra i posti non a pagamento e quelli a pagamento, soprattutto nelle aree più toccate dal problema. Verranno potenziate le aree dei parcheggi di scambio, che verranno messe a rete con il trasporto pubblico per favorire la mobilità pubblica all’interno del Comune.

Inoltre ci impegniamo ad abbattere il costo orario pari attualmente ad 1 euro/h in quanto spropositato per un comune come Ciampino. Costo orario che vede lavoratori, soprattutto quelli connessi col commercio, oggi obbligati a spendere parte del loro salario per poter parcheggiare e lavorare. Verrà reinserita la possibilità di pagamento delle frazioni orarie ad integrazione di eventuali infrazioni, con la conseguente cancellazione della “quota fissa” pari a € 10 attualmente vigente, che riteniamo una follia amministrativa lesiva dei principi guida relativi a questo strumento. Infine Diritti in Comune si adopererà per la re-internalizzazione del servizio sotto il diretto controllo comunale o, in alternativa, sotto il controllo di una rinnovata azienda A.S.P, che garantirà ai cittadini di non dover più vivere gli attuali disagi.

La mappa interattiva della Rigenerazione Urbana Alternativa e Partecipata

Ieri abbiamo rilanciato la nostra azione sugli spazi pubblici con un sit-in per rivendicare il recupero dei luoghi abbandonati per lo sport.
Oggi vi presentiamo la nostra idea complessiva, frutto del lavoro insieme alle associazioni territoriali, sul futuro di alcuni spazi-chiave della città.La vecchia amministrazione aveva declinato la “rigenerazione urbana” come proposta guidata dalle esigenze di soggetti privati. Nessuna guida pubblica nella programmazione e zero investimenti pubblici, un recupero inteso come privatizzazione delle aree e progettualità definita esclusivamente dalla redditività dell’investimento privato.

Questa è invece la nostra idea. Una Rigenerazione Urbana Alternativa e Partecipata, dove al centro ci sono le esigenze di cittadini, residenti, gruppi e comitati, lavoratori e lavoratrici del territorio. Dove la priorità è il recupero del patrimonio pubblico abbandonato tramite investimenti che prevedono diverse necessità di spesa: da interventi a basso costo, semplici e programmabili immediatamente senza grosse difficoltà di reperimento risorse per l’ente comunale, ad azioni più complesse e dispendiose da un punto di vista amministrativo (IGDO, area ex fratelli Spada, etc.), che necessitano il coinvolgimento di altri soggetti pubblici e privati.

L’orizzonte della nostra proposta si può riassumere nella centralità della pubblica utilità dei progetti, nel rifiuto di ulteriore consumo di suolo, nel recupero degli spazi e degli edifici esistenti, e nella centralità della guida pubblica in termini di programmazione complessiva territoriale.

Cliccate sulla nostra mappa interattiva, dove troverete alcune semplici pillole delle nostre proposte, per ora in forma embrionale, sulle quali torneremo a parlare più approfonditamente attraverso iniziative pubbliche, incontri nei quartieri, elaborazione di progetti.

“Un albero al giorno”, week-end di organizzazione insieme alle associazioni!

Questo fine settimana, insieme alle associazioni Ciampino Bene Comune e Officine Civiche, abbiamo piantato alberi in alcune delle aree verdi di Ciampino! Non certo un’iniziativa spot, ma una delle tante azioni dal basso che mettiamo in atto per mostrare e praticare l’alternativa.
Come abbiamo sempre detto, la nostra idea di città prevede:
– un Regolamento dei beni comuni, per facilitare la gestione condivisa anche delle aree verdi ed evitare intoppi burocratici per la cittadinanza che si attiva
– un piano strategico per il verde che preveda la piantumazione di un albero per ogni nuovo/a nato/a, la manutenzione ordinaria e straordinaria dei parchi, la creazione di barriere verdi contro l’inquinamento e lungo i fossi
– la ri-piantumazione degli alberi abbattuti negli ultimi anni e la piantumazione di nuovi nelle parti della città che ne sono prive
– la valorizzazione delle aree verdi del nostro patrimonio, come la Mola Cavona e l’Appia Antica, sempre attraverso la co-gestione tra Comune, altri enti, associazioni e cittadini.

Consiglio di Stato conferma validità del Decreto Costa per l’Aeroporto. Ora ridurre i voli

La sentenza del Consiglio di Stato riconosce la necessità di salvaguardare la salute dei cittadini e respinge le pretese di Ryanair. I movimenti commerciali a Ciampino non potranno essere più di 65 al giorno, con una riduzione del 35% dell’attuale traffico aereo commerciale. Se il rumore continuerà a rimanere sopra i limiti di legge i voli dovranno diminuire ancora.

E’ una grande vittoria per i cittadini, ottenuta grazie soprattutto all’impegno del CRIAAC, Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino, che ha sostenuto questa battaglia di civiltà contro la protervia e l’arroganza del profitto propugnate dalle compagnie low-cost. Una vittoria che finalmente sblocca il Decreto Costa, fermato dal 2018 dai ricorsi e dai controricorsi al TAR e al Consiglio di Stato proposti da Ryanair.

Rimangono così completamente vuoti i proclami della ex sindaca Ballico e di chi sosteneva che l’Aeroporto doveva essere una risorsa per far fare profitto ai colossi low-cost. Prima viene la tutela della salute per i cittadini. Diritti in Comune si compiace per questo risultato e continuerà a dare tutto il suo appoggio e a lottare insieme al Comitato e ai cittadini per ridurre l’inquinamento dell’aeroporto di Ciampino ed avere una città più vivibile.

Ponti di via Morena: L’intera città ostaggio di scelte politiche folli

E’ ormai noto che la viabilità connessa al nuovo ponte di via San Paolo della Croce continua purtroppo ad essere un cantiere fermo. La prima a rammaricarsene sembra essere la cittadina Daniela Ballico, ex sindaca, sui suoi canali social. Peccato che il collaudo tecnico amministrativo delle urbanizzazioni del comparto G5 sia stato affidato solo con l’arrivo della Commissaria, lo scorso 16 settembre. Ragion per cui, il ponte senza il collaudo della viabilità connessa è difficile possa riaprire. Ci vorrebbe un pizzico di decenza e rispetto verso i cittadini, invece che spargimento di notizie false e iniziative di raccolta firme da inviare al Commissario prefettizio!

La situazione sta producendo pesanti ripercussioni su tutto il traffico cittadino, che in coincidenza della riapertura delle scuole ha visto aumentare il flusso veicolare. Perché la viabilità del nuovo piano G5, benché ultimata, non viene aperta al traffico? Ma soprattutto l’intervento realizzato è quello del progetto esecutivo approvato ad ottobre 2019 dalla Giunta Ballico? Sappiamo di certo che il progetto esecutivo prevedeva un’ampia rotatoria all’ingresso di via Morena per ottimizzare la viabilità in quello snodo molto importante, dove intersecano assi principali della rete cittadina. Perché quella rotatoria non è stata realizzata e come sarà organizzata la futura viabilità del tratto iniziale di via Morena? I cittadini e commercianti che in questi mesi sono rimasti prigionieri di questo cantiere stanno cercando di venire a capo del problema tentando, per ora senza esito, un colloquio con la Commissaria. Proveremo ad avere un’interlocuzione in merito, ma intanto ci chiediamo: quali elementi hanno spinto la giunta Ballico a modificare il progetto iniziale? Cosa c’è scritto nella convenzione tra il Comune e i gruppi privati che dovranno edificare nell’area, in merito alla realizzazione di strade e marciapiedi? Infine, l’Amministrazione Ballico poteva non sapere che il progetto esecutivo e la variante avrebbero rappresentato problemi tali da impedire la riapertura della strada?

L’urbanizzazione del comparto G5 appare, così come realizzata, subordinata totalmente agli interessi specifici dei soggetti privati promotori del piano. Per questo abbiamo fondati timori che tutto questo disagio sia solo il primo effetto dell’intervento che sarà devastante per il commercio locale e la vivibilità dei quartieri circostanti. Un’intera città in ostaggio di scelte politiche illogiche, con gravi responsabilità dell’ufficio speciale della giunta Ballico, da condividere con le precedenti amministrazioni che scelsero per il comparto un indirizzo urbanistico folle. Scelte di cui abbiamo già iniziato a pagare il prezzo con la condizione di grave disagio degli ultimi mesi. Situazione destinata verosimilmente a peggiorare, a meno che il prossimo governo della città non intervenga con la copertura dei valli ferroviari – ad esempio collegando via due Giugno con via S. Paolo della Croce – al fine di alleggerire il traffico locale. Diritti in Comune si adopererà per proporre soluzioni in grado di migliorare gli aspetti più problematici che riteniamo verranno ad inasprirsi con l’apertura del futuro centro commerciale, seppur ben consapevoli che ai danni fatti non c’è soluzione di sorta.

Diritti in Comune per la rinascita della nostra città

Siamo donne e uomini che vivono e lavorano in questa città, legati a questo territorio, alla sua storia, alla sua comunità. Molti di noi hanno scelto appartenenze politiche, altri operano nell’associazionismo cittadino e nell’attivismo sociale.
Tutte e tutti riteniamo ci si debba impegnare insieme, per cambiare il futuro che decenni di politica nazionale e locale, spinta esclusivamente dal profitto di pochi, avrebbe già scritto per noi e la nostra città.

In questo territorio viviamo tutte le contraddizioni di un sistema economico che produce disoccupazione e precarietà, la progressiva distruzione dello stato sociale, dell’ambiente naturale e l’impoverimento degli stessi rapporti umani. La pandemia da Covid19 non ha fatto che acuire questa crisi, aumentando ancor di più povertà e aggravando le diseguaglianze sociali. La città negli ultimi decenni è cresciuta rapidamente sotto il peso della speculazione, a discapito dei servizi e degli spazi pubblici che dovrebbero connaturarla. L’emergenza sanitaria ha posto tutto questo ancora più in evidenza: manca un punto di primo soccorso, una rete di medicina territoriale, spazi e luoghi per i servizi e le attività sociali, culturali e ricreative.

Esiste poi una grave emergenza climatica che investe l’intero pianeta, con fenomeni estremi sempre più frequenti che determinano rilevanti conseguenze ambientali, specie in contesti urbani fortemente inquinati come quello locale. Ciampino, con il più alto consumo di suolo della regione e la maggiore densità abitativa, col suo Aeroporto dal forte impatto ambientale, continua ad essere investita da numerose e rilevanti fonti d’inquinamento, che anche durante la pandemia si sono rivelate fattori fortemente incidenti rispetto alla salute delle cittadine e dei cittadini. Questa consapevolezza impone l’urgenza di pensare e mettere in campo azioni di contrasto ai cambiamenti climatici per contenerne i rischi connessi.

L’epilogo fallimentare di una lunga stagione di governo ha consegnato due anni fa l’amministrazione della città alla destra, che al di là della costante necessità di affermare il proprio pericoloso profilo ideologico, ha dimostrato tutta l’incapacità di costituire un’alternativa credibile per Ciampino. Due anni scarsi di amministrazione sono stati sufficienti per coglierne il disegno politico: assecondare le volontà di pochi e molto facoltosi soggetti privati di mettere le mani sui beni del patrimonio comunale, secondo quell’inossidabile logica di mercato, che per decenni ha prevalso nel governo della cosa pubblica, tesa a cancellare definitivamente il valore e il senso dei beni comuni per la comunità.

La fine anticipata della consiliatura nelle due ultime esperienze amministrative è avvenuta su questioni concernenti il bilancio. Appare dunque quanto mai necessario un Audit indipendente sullo stato economico e finanziario dell’ente e delle sue partecipate, per sapere come sono cresciuti in questi anni debiti e disavanzi e come siano state spese le risorse pubbliche. Su questo, al di là della funzione istituzionale devoluta agli organi di controllo contabile, vanno individuati strumenti di partecipazione e di controllo popolare su indirizzi e scelte che riguardano l’impiego dei soldi pubblici nell’interesse generale della comunità.

Ancor più di prima, la scelta che si impone oggi a quanti hanno a cuore il futuro di questa comunità è quella di costruire una città a misura di cittadine e cittadini: pubblica, inclusiva, solidale, funzionante. Chi si è occupato per molti anni della scena politica, migrando non di rado da una sponda all’altra, l’ha fatto confidando spesso nell’apatia sociale della comunità cittadina, prendendo decisioni senza ascoltare idee, senza rispondere alle domande e mortificando ogni forma di proposta d’iniziativa popolare. Da questo punto di vista la destra è stata capace di contrapporre ancor di più la funzione e il ruolo dei decisori politici con quello dei cittadini, trascinando le stesse istituzioni in una quotidiana disputa sui social.

Crediamo sia urgente e necessario costruire un’alternativa netta e coraggiosa. Diritti in Comune in questi due anni è stata l’esperienza collettiva capace di mettere in campo questa alternativa: una rete di persone, associazioni, esperienze civiche e politiche che animano buone pratiche di autogestione e di partecipazione attiva nel territorio. Dentro e fuori il Consiglio comunale questa comunità ha tenuto in piedi uno spazio politico di analisi, ascolto, discussione e condivisione sulle scelte politiche di volta in volta assunte. Nonostante le condizioni imposte dalla pandemia, la dimensione collettiva e partecipativa non è venuta mai meno, a cominciare dal lavoro di sostegno sociale ed alimentare portato avanti da tante e tanti volontari nel periodo del lockdown, associato ad una riflessione e proposta organizzativa capace di rispondere alle necessità del territorio.

Oggi questa comunità è cresciuta e si è rafforzata, non solo perché è stata capace di condurre un’azione costante e competente di opposizione in Consiglio comunale con la propria rappresentanza istituzionale, ma perché è stata in grado di cogliere risultati insperati dall’azione politica che tante e tanti hanno saputo condurre con determinazione, per il bene della città. Se oggi l’IGDO è stato riconosciuto quale insediamento urbano storico della città e la Tenuta del Muro dei Francesi è stata inserita nel perimetro del Parco dei Castelli romani lo dobbiamo all’incessante lavoro di questa rete politica che, infine, ha saputo anche condizionare le istituzioni sovracomunali. Chi non si rassegna a veder cancellata la funzione pubblica e affettiva dei beni culturali e paesaggistici del territorio, oggi può avere una speranza in più su cui poter proseguire l’impegno per la piena fruibilità pubblica di questo patrimonio.

Quel che resta del patrimonio pubblico ha bisogno di essere recuperato e rigenerato alla sua piena funzione sociale, riproducendo esperienze di gestione e controllo popolare diretto, da discutere collettivamente nelle forme e negli obiettivi. Occorre ridare assoluta centralità ai servizi pubblici locali, in particolare quelli che riguardano i diritti fondamentali della persona, che devono restare privi di rilevanza economica. La gestione delle Aziende pubbliche cittadine, soprattutto alla luce del biennio appena trascorso, deve essere radicalmente modificata: le partecipate comunali, la cui amministrazione avrebbe dovuto coniugare lavoro e qualità dei servizi, vanno ristrutturate e devono tornare ad occuparsi esclusivamente dei servizi di questa comunità, con un controllo rigoroso anche attraverso forme partecipate dai cittadini utenti.

A partire da un terreno condiviso di valori, pratiche ed azioni comuni, siamo fortemente determinati a tentare di guidare un progetto per il governo della città; un progetto di cambiamento radicale dove le solite e logore formule della vecchia politica non trovino spazio, dove emerga l’urgenza di nuovi strumenti di partecipazione politica, per la gestione del presente e la programmazione del futuro.
Diritti in Comune apre un confronto tematico con le forze sociali, i movimenti cittadini, le altre culture ed esperienze politiche perché si possa ridare a Ciampino la speranza di diventare finalmente una città compiuta.
La città che si prende cura di sé, ecologica, pubblica, è una città che vive, partecipa e progetta il suo futuro. Adesso!

Giunta Ballico, ultimo atto: cade su nomine, poltrone e interessi privati

La sorte del commissariamento dell’Ente comunale tocca Ciampino per la seconda volta in appena tre anni, dopo che l’amministrazione Ballico non è riuscita ad approvare gli equilibri di bilancio, essendo venuta meno la sua maggioranza consiliare. Ancora una volta la Sindaca ha provato a salvare questa maggioranza – e il suo destino politico – con rocamboleschi giochi di poltrone e col fantomatico progetto di acquisizione dell’Igdo: articolato tentativo di svendita del centro cittadino mascherato da intervento pubblico, sul quale molto abbiamo già detto e torneremo a dire nei prossimi giorni.

A far cadere la Giunta Ballico, non è stato tuttavia un serio e concreto dibattito politico, al contrario, l’esperienza amministrativa del centrodestra finisce nel più triste dei modi: nomine, poltrone, candidature per Campidoglio e Regione, insomma per le diatribe tra gruppi di interesse e personaggi politici che tengono in scacco le istituzioni democratiche della città. Dinamiche non nuove per Ciampino, figlie di atteggiamenti bipartisan che troppo spesso hanno legato i destini della città all’interesse particolare di potentati politici ed economici e che, a partire dalla campagna elettorale del 2019, torniamo a denunciare. Questa volta, nello specifico, siamo stati gettati nelle mani di personaggi impresentabili come Durigon che, pur dimissionato dal governo nazionale, ha continuato – come coordinatore della Lega Lazio – a segnare le sorti della maggioranza consiliare ciampinese.

La Giunta Ballico si è fatta promotrice di una visione politica appiattita sugli interessi privati, grandi e piccoli, sviluppando un progetto di alienazione del patrimonio della città pubblica. Per farlo si è servita di tecnici plenipotenziari direttamente chiamati da Roma, con esperienze discutibili nelle amministrazioni sia di centrodestra che di centrosinistra. Nel frattempo, la città rimaneva com’era prima: senza spazi pubblici adeguati, senza servizi efficienti, senza verde, senza un minimo di idee per il rilancio del tessuto sociale ed economico e con una pessima gestione dell’emergenza pandemica. Alcuni colossi privati, da AdR del gruppo Atlantia (Benetton) alle holding di costruttori locali, hanno trovato in questa Giunta un interlocutore disponibile a barattare la salute e la qualità della vita dei cittadini in cambio di qualche misera ricaduta, discutibili eventi ricreativi con cui la Sindaca in questi anni ha cercato di rilanciare la sua propaganda. Allo stesso modo piccoli interessi privati, legati a pericolosi gruppi neofascisti, hanno trovato in questa amministrazione sostegno e piena legittimazione, tentando il radicamento in un territorio che gli è sempre stato ostile.

Diritti in Comune, in questi due anni di opposizione – intransigente nel contrastare le derive revisioniste e antidemocratiche – non ha rinunciato a sfidare la Giunta nel merito delle proposte: le modalità di gestione dell’emergenza Covid-19, l’attivazione di un coordinamento sociosanitario distrettuale; l’istituzione delle Case di Quartiere; il progetto per un Igdo pubblico; l’inserimento del Muro dei Francesi nel parco dei Castelli (vittoria ottenuta grazie alle pressioni dei cittadini e l’intervento regionale); la tombatura dei valli ferroviari; la tariffazione puntuale per i rifiuti; l’istituzione di un’isola pedonale di quartiere nell’ex 167; la tutela del patrimonio storico, monumentale e paesaggistico; la salvaguardia delle sorgenti e corsi d’acqua del territorio. Sono questi alcuni esempi di quella alternativa che continuiamo a sostenere e praticare ogni giorno, grazie all’impegno dal basso e al confronto continuo con i cittadini. Da oggi finisce una sfida e ne inizia una nuova: questa è solo una tappa del percorso politico che abbiamo immaginato – a partire da esperienze di lotta ed organizzazione popolare precedenti – dando vita alla coalizione Diritti in Comune per cambiare il futuro della nostra città. Un futuro aperto verso il bene comune, per tutte e tutti.

Perché diciamo che sull’acquisto dell’IGDO ci stanno prendendo in giro

È doveroso fare un po’ di chiarezza su quello che sta succedendo in questi giorni rispetto alle dichiarazioni stampa sull’area ex IGDO, anche a costo di non esser brevi, perché l’urbanistica è materia complessa e semplificando troppo si rischia di dire sciocchezze.

Evidenziamo sin da subito che, per chi si batte da sempre per un Igdo pubblico, sarebbe assai più comodo accodarsi alla propaganda, votando a favore de prossimo assestamento di bilancio dove, stando a quanto sostenuto dalla giunta al governo della città, si vincoleranno 1.6 milioni di euro “alla riacquisizione dell’IGDO”. Purtroppo la comunità di Diritti in Comune ha il sospetto che l’intera manovra abbia un unico obiettivo: tenere in piedi la barca di una maggioranza che affonda, provando a costruire una narrazione secondo la quale il voto del prossimo assestamento di bilancio sarà un voto pro o contro l’IGDO pubblico. Niente di più falso, vediamo perché entrando nel merito.

COME SI RIACQUISISCE A PATRIMONIO PUBBLICO UN’AREA ATTUALMENTE PROPRIETA’ PRIVATA?

Esistono solo alcune opzioni:

– ACQUISTO. Il privato (in questo caso Società Incentro) vuole vendere e il Comune vuole acquisire. Il Comune trova i fondi necessari nel bilancio e procede con una proposta di acquisto, dopo ovviamente aver ricevuto mandato dal consiglio comunale. Tale scenario non sembra essere in campo, non avendo notizia di alcuna scrittura privata, né evidenza di un accordo tra i due soggetti, né previsione di un prossimo passaggio in questa direzione in consiglio comunale.

– ESPROPRIO. Il Comune decide di espropriare la proprietà privata. Su questa area ad oggi vige ovviamente già un indirizzo (i.e. servizi privati) da piano regolatore. L’esproprio è un processo lungo, rischioso, ma, per noi, assolutamente legittimo. L’esproprio è un percorso da sostenere politicamente che per esser attuato ha bisogno di una serie di passaggi:

1) occorre “giustificare” la procedura di esproprio dimostrando che la scelta si fonda sulla Pubblica Utilità. Cioè? La pubblica utilità si dimostra deliberando un intervento pubblico specifico (una opera pubblica, un intervento urbanistico specifico, etc.) e, certamente, non basta una semplice delibera di indirizzo della giunta in cui si rappresenta un generico “volere politico” – legittimo e condivisibile come ogni buon proposito – bensì si dimostra con atti amministrativi concreti. Nello specifico dell’IGDO, ad esempio, una variante al piano regolatore che riporti l’area a verde pubblico e servizi pubblici e/o un progetto di indirizzo sull’area ben definito, ovviamente approvato dal consiglio comunale. Da non dimenticare che una variante al PRG deve prima passare in consiglio comunale e poi in Regione, con una durata del processo di circa 2-3 anni.

2) Per procedere con l’esproprio occorre altro: bisogna anche dimostrare di avere la disponibilità economica per realizzare l’opera pubblica/l’indirizzo che si è pensato e deliberato. Oltre ad avere un progetto vero sull’area si deve dimostrare di disporre delle risorse necessarie per realizzarlo. Un esempio calzante è offerto dall’esproprio delle aree per la realizzazione del sottopasso Casabianca: delibera di indirizzo per realizzazione del sottopasso legittimato per pubblica utilità.

Nel caso dell’IGDO significherebbe avere dunque una disponibilità economica ben superiore a 1.6 milioni di euro, nello specifico una capacità di spesa in grado di coprire tutto l’intervento di riqualificazione, non dimenticandosi che l’area è stata recentemente vincolata a centro storico, e non è dunque possibile demolire e ricostruire. È chiaro che si tratta di un intervento economico rilevante.

Sembra invece che chi è alla guida del nostro Comune ritiene esista una terza via per riacquisire l’IGDO: esercitare “ex post” un fantomatico diritto di prelazione, rispetto ad un asta conclusasi nel 2016 (!) con l’acquisto dell’area da parte del privato. Eppure il diritto di prelazione, per un ente pubblico a titolo oneroso, è ben normato dalla legge, e i valenti urbanisti che abbiamo contattato hanno escluso che possa esistere questa possibilità per l’IGDO. Purtroppo l’area appartiene alla società che si aggiudicò l’asta, ed oggi questa è la realtà, il resto – e ci piacerebbe sbagliarci – sembrano solo le affermazioni roboanti di politici scaltri.

Facciamo un inciso doveroso: l’amministrazione precedente ebbe tutto il tempo necessario per esercitare il diritto di acquisto a prezzo d’asta e non lo fece, a nostro avviso sbagliando clamorosamente, nonostante le nostre proteste in piazza. Dove era la destra ciampinese in quel momento? Dove era la Sindaca e i vari Silvestroni e Duringon che la sostengono? Vale la pena ricordare che, all’epoca, la proposta del consigliere comunale Guglielmo Abbondati, che dava mandato al Sindaco di acquisire l’IGDO a patrimonio pubblico, fu bocciata coi voti del centrosinistra e di un pezzo considerevole del centrodestra. Ora, a distanza di tre anni, si racconta che esisterebbe la possibilità di esercitare la prelazione?

Bene, diteci come e attivate le procedure necessarie; chiediamo alla Sindaca di spiegare nel dettaglio, a noi e alla città, COME, QUANDO E SECONDO QUALE ISTITUTO DI LEGGE si potrebbe esercitare questa ventilata prelazione ex post. Riteniamo che questa manovra sia soltanto propaganda e non poggi su alcun fondamento giuridico-amministrativo ma, nel caso fossimo smentiti, saremmo pronti a votare un atto d’indirizzo capace di fare dell’IGDO finalmente uno spazio pubblico. La Sindaca lo porti in Consiglio comunale, ci dimostri che ci sbagliamo e saremo i primi a votarlo.

Veniamo ora al bilancio: abbiamo letto che sono stati trovati comunque 1.6 milioni per l’acquisizione dell’IGDO. Pur abituati ai bilanci creativi di questa giunta attendiamo di ricevere la variazione di bilancio per capire da quali capitoli si intende attingere, fermo restando che si possono legittimamente spostare voci di bilancio a copertura di un investimento, giusto ed importante per la città. Rimangono dubbi su cosa serva bloccare risorse vive del malandato bilancio comunale per un intervento che non è minimamente all’ordine del giorno?

Per quanti anni questa posta di investimento verrà bloccata, senza possibilità alcuna di utilizzo concreto, solo a copertura di una scelta dettata dalle contingenze politiche del momento?

Perché farlo ora, in fretta ad agosto, inserendolo nella delibera di assestamento, già discussa e liquidata in commissione e che era all’odg dello scorso consiglio comunale, andato deserto per mancanza di numeri della maggioranza?

Legittimamente crediamo serva ad altro: sia solo propaganda, e della peggiore. Con questa proposta la maggioranza si intesta il merito di aver cercato le risorse per l’acquisto dell’IGDO ma, concretamente, senza avere all’orizzonte tale opzione.

Cosa rimane: il vero obiettivo della maggioranza – sfruttando cinicamente il tema di un bene comune caro alla città, quale è l’Igdo- è di ricompattare la maggioranza, spingendo i consiglieri che oggi sembrano defilarsi a rientrare nei ranghi e restare al governo della città, costruendo la narrazione per cui, se si va a casa, la responsabilità è degli irresponsabili e dei “poteri forti”. Fuori da queste logiche populiste, Diritti in Comune vuole aprire un percorso vero per ridare alla città il centro cittadino che merita, sfidando l’Amministrazione ad iniziare il percorso necessario per dimostrare La pubblica utilità dell’intervento cambiando la destinazione d’uso dell’area. Per questo chiediamo alla giunta di dare indirizzo affinché venga portata in tempi rapidissimi una Variante puntuale in Consiglio comunale sull’area ex IGDO, con la quale recepire i vincoli istituiti dal Ministero e cambiare la destinazione d’uso da servizi privati a servizi pubblici.

Se non si hanno i numeri per governare è bene che alla città vengano risparmiati queste trame da House of Cards: che la Ballico trovi i numeri o vada a casa, con dignità, perché la città non ha bisogno di altre bugie e promesse impossibili da mantenere.